Google, un free proxy per tutti

Posted On Sabato, 1 Ottobre 2005

Rielaborando un intelligente tutorial di manuali.net ho scritto una piccola guida “proxy fai da te”. Un metodo per aggirare firewall & blacklist digitando un semplice URL…

Pubblicato su nella sezione “sicurezza” e su

Citato su (n. 116) Scarica la pagina di HJ!


I contenuti di questa pagina sono una elaborazione di un sintetico quanto utile tutorial scritto da Leo Di Donato, che ho trovato su www.manuali.net.
L’ennesima dimostrazione che hacking, cioè utilizzo “spinto” delle risorse informatiche, non sempre significa creare qualcosa di nuovo e di complesso. A volte basta un utilizzo semplice ma creativo degli strumenti già in nostro possesso per risolvere problemi apparentemente difficili.

Parliamo di come uno strumento creato per tutt’altro scopo può diventare utile in ambiti molto diversi. Il motore di ricerca Google può essere usato come proxy (cioè per gestire la connessione tra la propria macchina e internet) al fine di bypassare filtri di protezione, blacklist, etc… tipiche delle reti aziendali.
La blacklist aziendale, infatti, difficilmente comprende la connessione a Google, quindi, usando lo strumento di traduzione fornito dal motore di ricerca si riesce ad entrare nelle pagine non consentite.

Basta digitare questo url:

http://www.google.com/translate?langpair=it|it&u=www.sitobloccato.com

(dove www.sitobloccato.com è il sito che vogliamo raggiungere)

NOTA BENE: l’url sopra indicato è appositamente “taroccato”: il parametro “langpair” (letteralmente ‘coppia di lingue’), che gestisce la lingua originale del sito (alla sinistra del simbolo pipe) e la lingua nella quale si vuole tradurre il sito (alla destra), è “it|it” ovvero da italiano a italiano (per default sarebbero due lingue diverse, ovviamente). Questo è l’indirizzo da utilizzare come proxy per vedere siti italiani. Se volessimo vedere un sito scritto in inglese dovremmo utilizzare il parametro “en|en”, cioè inglese/inglese (english).
Questo stratagemma è quello che ci permette di passare tramite il proxy “virtuale” mantenendo la lingua originale!

Questa è l’homepage del mio sito web vista attraverso Google:

http://www.google.com/translate?langpair=it|it&u=www.bigthistle.altervista.org

Un’ultima considerazione sull’argomento “privacy”. Non credo che questa modalità possa garantire l’anonimato (cioè nascondere l’indirizzo IP di chi sta navigando). Sulla homepage del mio sito, sotto la message board, c’è uno script che mostra l’indirizzo IP di chi è connesso. Se si accede ad essa attraverso Google, con il link qui sopra, si nota che l’indirizzo individuato è in effetti quello del motore di ricerca e non quello con cui navighiamo. Per fare la “prova del nove” ho però verificato su altri siti che l’IP non viene affatto nascosto, ad esempio clicca qui.

Anche per questa volta è tutto; raccomando come al solito un uso appropriato delle tecniche descritte.

bigthistle

20 dicembre 2005
Sono stato citato per questo articolo sul blog Motoricerca.net!

25 marzo 2006
Un’altra possibilità da provare per bypassare le blacklist ed accedere a siti web bloccati è il sito anonymouse.org, provatelo! big

23 ottobre 2006
Ulteriore possibilità da provare per bypassare le blacklist ed accedere a siti web bloccati è: kproxy.com, sembra andare a meraviglia! big

21 dicembre 2006
Questo articolo citato da Hackerjournal, eccovi un commento dal web… leggete qui :)

ottobre 2007
Google ha messo una “patch”, sembra che l’utilizzo del traduttore come proxy non sia più possibile.

Comments Dropped 14 commenti

Leave a response and help us improve this site. Every comment is moderated here

Scrivi un tuo commento a questo articolo, aiutaci a migliorare i contenuti del sito. Ogni commento è soggetto ad approvazione.

14 commenti per “ Google, un free proxy per tutti ”

  1. Carlo

    Ciao, l’idea è buona, molto interessante, ma non funziona su tutti i siti. Anche gli altri proxy da te consigliati non funzionano sempre, c’è la possibilità di averne uno che funziona sempre? Grazie

  2. bigthistle

    Carlo, ovviamente dico di no, non c’è nulla di certo su questa terra! :) comunque continuiamo a discutere e a sperimentare magari troviamo altre strade!
    ciao big

  3. Paolo

    Ciao,
    volevo segnalarti anche questa classe PHP 5 per sfruttare i Google language tools.

    http://labs.involutive.com/2007/06/05/google-translator-api-php-5-class/

    Saluti,

    Paolo

  4. bigthistle

    Grazie Paolo! Magari ci si può fare qualche riflessione sopra.

    big

  5. yoness

    vuoi un consiglio?
    perchè non cambi user-agent in googlebot?
    io lo uso per entrare nei sitini che vogliono che ti registri per leggere cosa c’è dentro XD

  6. bigthistle

    Ti riferisci ad una cosa tipo questa? In firefox in effetti è possibile…

    http://riffraff.blogsome.com/2007/04/08/cambiare-user-agent-in-firefox/

  7. Fabio

    Ciao a tutti,
    dato che la pagina di traduzione di google non sempre funziona io uso anche la modalità “mobile” di google:
    http://www.google.it/gwt/n
    Certo non la fine del mondo ma questo fa veramente da proxy e funziona abbastanza…

    Bisognerebbe unire le due caratteristiche allora google sarebbe proprio “insuperabile”!!!! :-D

    Saluti

    Fabio

  8. bigthistle

    Grazie del contributo Fabio! :)

  9. Silly

    Comunque credo che non funzioni più… google fa apparire un messaggio tipo “Bad request” se uno mette italiano/italiano… ciao

  10. bigthistle

    E’ così… :)

    ciao

  11. Nemo

    È vero che da “lingua a lingua” google ora blocca la traduzione, dicendo che non è possibile tradurre da una lingua alla lingua stessa.

    Non è altrettanto vero che non è più possibile usarlo come proxy: basta mettere come lingua sorgente una lingua che non è quella della pagina/documento che ci interessa, e come lingua destinazione la lingua della pagina/documento.

    Appena usato ;)

  12. bigthistle

    Beh grazie per la segnalazione Nemo :)

  13. Sputo

    Bell’articolo però c’ un sito che è un pizzico più veloce ed è creato apposta per questa funzione che prende il nome di http tunneling, il sito in questione è http://www.httptunneling.net , potete testare il funzionamento visualizzando prima e dopo il sito http://www.ilmioip.info.

    Spero che il mio commento possa essere utile a qualcuno.
    Ciao!

  14. bigthistle

    Beh grazie Sputo :) tutte le discussioni ed i suggerimenti sono utili qui.

Respond now/Commenta.

Categories/Categorie

Find more posts by selecting categories.

Seleziona altri articoli dalle categorie.

Search/Ricerca

Search through all articles.

Ricerca nell'archivio.


RSS Entries and RSS